CORTE DI CASSAZIONE, SENTENZA DEL 13 OTTOBRE 2016, N. 20654 – Il terzo trasportato deve provare il sinistro

Il terzo trasportato deve provare il sinistro ed il nesso di causalità tra l’incidente ed il danno da risarcire. Le ricorrenti, richiamando

 l’articolo 141 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, deducevano che il Tribunale sarebbe incorso in errore, in quanto aveva disposto che fosse la parte attrice, quale terzo trasportato, a dover dimostrare la responsabilità del conducente del veicolo,  in palese violazione della norma sopra indicata, che escluderebbe l’esistenza di tale  onere a carico del terzo. Pertanto, sostenevano, che sarebbe stato provato il fatto, ovvero che la minore era trasportata a bordo di un motociclo; che questo era caduto provocando la caduta della stessa, la quale aveva riportato lesioni da risarcire. Il Tribunale aveva ritenuto non provato l’incidente, come rappresentato dall’appellante, in quanto le testimonianze acquisite erano risultate inattendibili ed inutili; il Giudice adìto non aveva inteso gravare l’attrice di dar prova della dinamica e delle cause del sinistro, ma aveva espresso perplessità in merito alle testimonianze raccolte circa la prova del danno. La Suprema Corte, nel valutare il caso in oggetto, ha statuito che:”Il terzo trasportato, che si avvalga, dell’azione diretta nei confronti dell’impresa di assicurazioni del veicolo sul quale viaggiava al momento del sinistro, deve provare di avere subito un danno a seguito di quest’ultimo ma non anche le concrete modalità dell’incidente allo scopo di individuare la responsabilità dei rispettiviconducenti, trattandosi di accertamento irrilevante.  Tuttavia, ha precisato che, come disposto dall’articolo 2697 c.c., spetta comunque al terzo trasportato, che agisca in giudizio, ai sensi del D.Lgs. n. 209 del 2005, art. 141, per ottenere il risarcimento del danno, dimostrare quest’ultimo, ma anche fornire la prova dell’effettivo accadimento del sinistro e del nesso di causalità tra l’incidente e danni di cui si chiede il risarcimento.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *